Pennellate in ricordo di Salvatore Girgenti

PENNELLATE IN RICORDO DI GIRGENTI è il titolo dell’incontro che ha previsto l’estemporanea di undici giovani artisti provenienti dall’Accademia di Belle Arti e dal Liceo Artistico di Trapani, iniziativa finalizzata a promuovere il territorio locale attraverso un momento di approfondimento trasversale alle diverse forme d'espressione artistica.

Il tema, a cui gli artisti si sono ispirati, è il paesaggio marino siciliano, tema caro al maestro Girgenti, rappresentato nella sua varietà di luci e colori con tocchi di colore acceso e vibrante, ed ha avuto come filo conduttore il percorso espositivo diviso in quattro sezioni che si snoda nel suggestivo scenario dell’antica torre seicentesca.

La prima sezione “Paesaggi e marine” ha racchiuso undici quadri: caratterizzata da scelte cromatiche e stilistiche differenti che ha evocato i luoghi di provenienza dell’artista, mare immenso e ancora più l’immenso cielo.
La seconda sezione ”Paesaggi e alberi“ formata da otto quadri: alberi come simbolo di una ricerca tormentata.
La terza sezione “Paesaggi e rocce” ha mostrato quattordici dipinti di notevole pregio che rispecchiano l’artista nei suoi particolari stati d’animo: rocce che diventano litorale pieno di luce che rimbalza e non si spegne.
La quarta sezione “Paesaggi locali” ha raccolto, infine, quattro opere ispirate a ambienti siciliani ed un’opera incompiuta dell’artista.

Gli artisti, hanno eseguito le loro creazioni con varie tecniche pittoriche, in piena libertà espressiva, ma attenendosi al tema, una rappresentazione improvvisata, senza alcuna preparazione, eseguita sul momento.

A conclusione di questa giornata di attività interamente dedicata al dialogo tra le opere di Girgenti, dentro e fuori gli spazi del museo, le giovani leve si sono identificate nelle quattro sezioni, nei paesaggi dipinti del maestro, e hanno dato vita ad un percorso artistico fatto di colori e forme.

Soffermandosi ad ammirare con attenzione il risultato di questo evento si raccoglie l’emozione, l’attimo, i particolari vissuti nel momento in cui è stata realizzata l’opera, si scorge quel legame tra tecnica e sentimento, tra spazio e tempo, e soprattutto tra artisti e fruitori.


Giovanna Mauro